Ultime recensioni

lunedì 18 gennaio 2021

[Recensione] CHE FINE HA FATTO LIZ? - Chiara Citrini


Ciao Impertinenti,
oggi vi parliamo del libro CHE FINE HA FATTO LIZ?, romanzo d'esordio di Chiara Citrini.

Genere: Thriller
Casa editrice: Rossini Editore
Data di Uscita: 11 Novembre 2020
Prezzo: € 14.99

Trama: Nella tranquilla cittadina di Holladay, nello Utah, vive la famiglia Cooper, composta da Liam, il capofamiglia, la moglie Liz e la figlia Amelia. La loro vita agiata e dall'apparenza perfetta è in realtà segnata da una terribile tragedia: la perdita della secondogenita Estelle, avvenuta tre anni prima. Un giorno Liam, rientrando a casa da un viaggio di lavoro, scopre che la moglie è sparita. Molti sono gli scenari che si profilano: rapimento a scopo di estorsione? Allontanamento volontario? Suicidio? Omicidio? Per ragioni diverse, sembrano tutte opzioni plausibili. A condurre le indagini c'è Christopher Warren, enigmatico detective che nasconde un segreto inconfessabile. Qualcuno trama nell'ombra, arrivando a minacciarlo di morte. Più ci si addentra nel caso, più ogni certezza sembra sgretolarsi. In una corsa contro il tempo, tutti si chiedono: che fine ha fatto Liz?


Buongiorno Impertinenti!
Della serie il primo amore non si scorda mai, vi parlo del libro di esordio di Chiara Citrini, Che fine ha fatto Liz?
Già il titolo fa capire che si tratta di una sparizione, Liz Cooper non si trova, svanita completamente nel nulla.
Il caso viene affidato a Christopher Warren che fin dall’inizio brancola nel buio: molti i sospettati, pochi gli indizi.
Noi lettori fin dall’inizio iniziamo a porci le stesse domande di Warren. Come può una persona svanire nel nulla senza lasciare alcuna traccia? Come mai non ci sono indizi concreti? Chi è stato?
Il finale è stato destabilizzante perché nessuno avrebbe mai potuto aspettarsi quel colpevole. Chiara è stata davvero brava, il ritmo incalzante che ti fa entrare nella vicenda, la caratterizzazione dei personaggi, e l’ambientazione ti coinvolgono completamente.

I due protagonisti maschili sono lo ying e lo yang.
Da una parte abbiamo Christopher, un uomo che ha perso tutto o quasi, che nasconde un segreto che si scoprirà solo a metà libro. Rappresenta il bene, la giustizia, e questo suo senso di giustizia lo spinge a buttarsi a capofitto nel caso. Vuole assolutamente scoprire la verità.
Liam Cooper è arrogante, violento. Un uomo che aveva tutto e che si è però perso in un tunnel oscuro, fatto di alcool e bugie. Non si riesce proprio a provare simpatia per un uomo come lui.

I temi affrontati sono una chiave di riflessione importante.
L’autismo, malattia poco conosciuta se non sommariamente, che porta chi ne soffre a vivere una vita quasi a metà, rinchiusi in un mondo proprio che poco c’entra con la realtà.
La violenza domestica e gli abusi. Temi che nella società moderna sono quasi, e direi purtroppo, all’ordine del giorno.
Il libro mi è piaciuto davvero moltissimo ed essendo un libro di esordio l’autrice promette davvero molto bene.
Ci sono tutti gli ingredienti giusti, il ritmo è incalzante, lo stile perfetto, ti immedesimi nel detective e cerchi in tutti i modi di capire cosa sia successo e soprattutto chi sia stato.
Il finale ti lascia completamente a bocca aperta, Chiara ha scelto l’unico colpevole che nessuno si aspetta!!
Lo consiglio? Assolutamente sì!! Merita di essere letto da tutti coloro che amano il genere.
Complimenti ancora!
Un abbraccio,
Marty.


Nessun commento:

Posta un commento