Ultime recensioni

lunedì 28 dicembre 2020

[Recensione] UN AMORE DISASTROSO - Brittainy C. Cherry

Ciao Impertinenti,
oggi vi parliamo dell'ultimo libro della bravissima Brittainy C. Cherry.
Venite a conoscere la nostra opinione sul romanzo UN AMORE DISASTROSO.

Genere:
Romance Contemporaneo
Casa editrice: Newton Comptom
Data di Uscita: 24 Novembre 2020
Prezzo: Ebook € 5.99

Trama: So che dovrei stare lontana da Ian Parker. Ma quando quel bastardo del mio patrigno mi ha cacciata di casa, non sapevo dove altro andare. Sistemarmi in un capanno abbando­nato nella fattoria del nonno di Ian mi è sembrata una soluzione accetta­bile. Il problema è che Ian non ci ha messo molto a scoprire il mio nascon­diglio, e ora insiste perché mi trasfe­risca nella sua stanza libera. So che dovrei rifiutare, ma l’idea di un tetto e di un letto caldo è troppo allettante. Per non parlare degli occhi castani di Ian e delle sue braccia forti... Non siamo simili in nulla, ma la scintilla tra di noi è evidente. Sem­bra quasi che le cose stiano comin­ciando ad andare per il verso giu­sto... almeno finché la mia famiglia non si mette nuovamente in mezzo. Devo sacrificare i miei sogni per oc­cuparmi del figlio di mia madre? Ian è la mia occasione di trovare l’amo­re. Spero solo che non diventi la mia occasione perduta.

Non avrei mai pensato che sarebbe stato Ian Parker a salvarmi

«Brittainy C. Cherry è una maga delle parole. La sua scrittura è splendida.»

«Chi non ha mai letto un suo libro deve rimediare subito.»

«Brittainy ti entra nell’anima, e non solo. La prende, la stropiccia, la fa in mille pezzettini e poi la ricompone, rendendoti una persona migliore.»
 
Ci sono vite più difficili delle altre, destini che sembrano segnati dalla cattiva sorte per chissà quale oscuro disegno divino e Hazel, la nostra protagonista, lo sa bene.
Nata a Eres, una piccola cittadina del Nebraska, figlia di una tossicodipendente che vive con lo spacciatore di metanfetamine del posto, Hazel non può certo dire di essere nata con la camicia. A prescindere da ciò che lei realmente è, si porta addosso un marchio difficile da cancellare, una reputazione che pur non sua, la discrimina agli occhi degli altri.     
Ma Hazel non ci sta e infischiandosene dei pregiudizi si presenta al ranch di Big Paw per lavorare sodo e darsi una possibilità di futuro.
Qui, spalando letame e pulendo le stalle incontra Ian, il figo del paese, che fin da subito mette in chiaro la poca simpatia verso di lei e tutto ciò che rappresenta rendendole la vita un inferno.
Lui vuole solo che quella ragazza, vestita di nero e dal viso truccato pesantemente, vada via dal suo mondo.
Ma Hazel è una tosta e nonostante la fatica, il sudore, il corpo a pezzi, non si lascia intimorire dal donnaiolo di Eres. Lei ha un obiettivo e niente e nessuno potrà impedirle di raggiungerlo.
Ed è proprio la sua tenacia, l'ostinazione a non mollare, che colpisce Ian.
Tra frecciatine e battibecchi, i due sono costretti a convivere e inevitabilmente a conoscersi meglio.
 
Feci per allontanarmi ma mi bloccai quando sentii due braccia cingermi da dietro. Mi guardai alle spalle e vidi Hazel che si era aggrappata a me.
Alzai un sopracciglio.
«Scusa» mormorò ancora abbracciata a me. «Avevo bisogno di qualcosa a cui aggrapparmi per un secondo»
«Continua» mi girai per guardarla in faccia e la tirai a me stringendola forte. «Aggrappati per tutti e due.»

Ian diventa per Hazel il suo primo vero amico, Hazel diventa per Ian la sua musa. Lei lo spinge ad aprirsi, a tirare fuori le emozioni, pensieri che lui riversa nei testi delle canzoni che scrive, parole che gli permetteranno di raggiungere la sua ambizione, un sogno che però non avrà il sapore della soddisfazione che aveva immaginato.

«Ogni volta che torni da me, mi sento andare in pezzi» mi sussurrò sulla nuca, baciandomi dolcemente.
«Ogni volta che torno da te, sento di non voler ripartire»

Non mancheranno gli ostacoli lungo il cammino dei nostri protagonisti, non mancherà la sofferenza, la delusione, ma neanche l'affetto, l'amicizia e l'amore che si rivelerà non essere poi così disastroso.
Quest'ultimo romanzo della Cherry è una storia dolce e tosta che però non rientra, a mio parere, tra i suoi best. Abbastanza prevedibile nel suo scorrere, manca di quel pizzico in più di magia che la nostra autrice riesce a trasmettere con la sua penna. Insomma, ha scritto indubbiamente di meglio ma, e questa cosa la sottolineo, è pur sempre la Cherry. Voglio dire: magari non aggiungerete questo titolo alla lista dei vostri indimenticabili, io almeno non l'ho fatto, ma leggerete comunque un profondo romanzo di qualità, scritto bene e con una storia appassionante. 
Come sempre: buona lettura.
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento