Ultime recensioni

sabato 5 dicembre 2020

[K-Drama e non solo] LE MIGLIORI SERIE TV ASIATICHE DA GUARDARE


Benvenuti a un nuovo appuntamento con la rubrica K-Drama e non solo, le migliori serie tv asiatiche da guardare!
Questa settimana vi consiglio un Romance Storico, un paio di Commedie Romantiche e un Romance con tinte fantascientifiche.


REPLY 1997
Genere: Commedia Romantica, Famiglia, Amicizia
Regista: Shin Won Ho
Sceneggiatore: Lee Woo Jung
Anno: 2012
Episodi: 16
Durata: 1 ora circa
Cast: Jung Eun Ji, Seo In Guk, Hoya, Shin So Yool, Eun Ji Won, Lee Si Eon, Song Jong Ho, Lee Il Hwa, Sung Dong Il
Viki: https://www.viki.com/tv/9462c-answer-me-1997-reply-1997?locale=it
Netflix: https://www.netflix.com/title/70297144



Trama: 
Quando Sung Shi Won era al liceo nel 1997, la cosa più importante nella sua vita era la boy band coreana degli H.O.T. e la sua unica aspirazione era quella di crescere per poter diventare la moglie di Tony An. Lei e i suoi cinque più cari amici del liceo ci mostrano un esempio dell'adorazione adolescenziale nei confronti del fenomeno del K-pop, in ascesa in quegli anni. Quando Shi Won si ritrova con i suoi amici 15 anni dopo, a 33 anni, quanto della loro vita è cambiato e chi dei suoi amici sta per annunciare il proprio matrimonio?

REPLY 1997 è la seconda di tre serie che raccontano la storia di un gruppo di amici in età adolescenziale, e che ci mostra come la loro vita e la loro amicizia è cambiata dopo 15 anni. Ricordo però che le tre serie non sono collegate tra loro. I tre Reply (1988-1994-1997) hanno storie e protagonisti differenti, solo il modo in cui è strutturata la trama è lo stesso.


Dopo aver visto e amato tantissimo Reply 1988, ho deciso di proseguire con questo, che però non ho trovato all'altezza del precedente. Qui il tema cardine di tutta la storia, a parte l'amicizia tra i sei protagonisti, è il fenomeno degli idol e delle loro fans. La protagonista, infatti, ha una vera ossessione per un gruppo K-pop, e il suo sogno è quello di diventare la moglie del leader del gruppo. Essendo questo un argomento molto particolare, risulta difficile empatizzare fino in fondo con la protagonista. Sia chiaro, ormai adoro la Corea, e di conseguenza qualsiasi cosa sia inerente (drama, attori e cantanti), quindi seguo anche un paio di gruppi e di artisti. Però, vuoi anche l'età, non sono certo il tipo che si apposterebbe per giorni fuori casa di un cantante/attore per poterlo vedere passare. 


Superato questo scoglio, la serie è concentrata maggiormente sulla protagonista femminile, Sung Shi Won (Jung Eun Ji), e sul triangolo amoroso che ha con Yoon Yoon Jae (Seo In Guk - Hello MonsterThe Smile Has Left Your Eyes) e suo fratello maggiore Yoon Tae Woong (Song Jong Ho), lasciando un pochino in disparte gli amici, le famiglie e il loro legame. È sempre un drama abbastanza corale, veniamo comunque coinvolti nelle vite e nelle famiglie di questo gruppo di amici, ma in modo più superficiale rispetto alla serie precedente. 


Gli attori fanno sempre un ottimo lavoro, anche se non brilla nessuno in modo particolare. Ritroviamo Lee Il Hwa e Sung Dong Il, gli attori che interpretavano i genitori della protagonista di Reply 1988, che qui saranno i genitori di Sung Shi Won. La storia alterna momenti ironici e divertenti ad alcuni più profondi e toccanti, ma anche così la narrazione risulta essere un tantino troppo lenta, a volte trascinata. È comunque una serie piacevole da guardare ma che purtroppo non regge il confronto con la precedente. 


Personalmente ho trovato, rispetto a Reply 1988, una trama meno intrigante, un gruppo di amici meno affiatati, le love story (principale e secondaria) meno coinvolgenti e tutta la serie molto meno emozionante. 
Trovo sempre carino il modo in cui, a ogni puntata, ci viene svelato un po' di più sulla vita attuale dei protagonisti, ma non troppo, in modo che non si capisce chi sia veramente la coppia che si è formata negli anni. 

Voto 7 ½



LOVE IN THE MOONLIGHT
Genere: Romance, Storico
Regista: Baek Sang Hoon, Kim Seong Yoon
Sceneggiatore: Im Ye Jin
Anno: 2016
Episodi: 18
Durata: 1 ora circa
Cast: Park Bo Gum, Kim Yoo Jung, Jung Jin Young, Kwak Dong Yeon, Chae Soo Bin, Jang Gwang, Jung Hye Sung, Lee Joon Hyuk
Viki: https://www.viki.com/tv/30308c-love-in-the-moonlight




Trama: 
Un travestimento puo' rappresentare un ostacolo al vero amore? Hong Ra On (Kim Yoo Jung) è una fanciulla che, nell'era Joseon, si guadagna da vivere travestendosi da uomo, dispensando consigli di tipo sentimentale a giovani uomini in cerca di un consulente in amore. In seguito a una lettera d'amore scritta a una giovane donna sconosciuta, sotto commissione di un nobile locale, Hong Ra On incontra, senza conoscerne la vera identità, il Principe Ereditario Lee Yeong (Park Bo Gum). Ovviamente nemmeno lui conosce la vera identità di Ra On, ossia che si tratta in realtà di una donna. Per una serie di circostanze legate a problemi familiari, Ra On finisce per essere venduta come 'eunuco' a Palazzo Reale, dove reincontra il principe Lee Yeong. Il Principe Ereditario nutre da subito un forte interesse per Ra On (anche solo per tormentarla...) e fa di tutto per tenerla al suo fianco. Nello stesso periodo, a palazzo, la ragazza conosce Kim Sat Gat (Kwak Dong Yeon), il migliore amico del principe Yeong, e incontra per la seconda volta lo studioso Kim Yoon Sung (Jinyoung), rivale in tutto e per tutto del Principe Ereditario Lee Yeong. Ce la farà Hong Ra On a vivere a palazzo in veste di eunuco senza essere scoperta?

Hong Ra On (Kim Yoo Jung) è una ragazza che è sempre stata cresciuta come fosse un maschio, abituata a vestire in abiti maschili e a celare la sua vera identità. A causa di alcuni sfortunati incidenti, la giovane viene venduta come eunuco e spedita a palazzo, venendo assegnata come eunuco personale di Lee Young, il Principe ereditario. Quest'ultimo resterà subito affascinato dal carattere schietto e sincero dell'eunuco, tanto da instaurare con lui un rapporto più simile a quello con un amico che con un sottoposto. Con il passare del tempo, però, Lee Young (Park Bo Gum - Youth ReportReply 1988Hello Monster) inizierà a sviluppare dei sentimenti più profondi per questo giovane eunuco. Questo porterà il Principe ereditario a vivere una vera e propria crisi esistenziale, essendo incapace di accettare di provare sentimenti romantici verso un altro uomo. Ma quando questa situazione diventerà palese anche per l'intera corte, inizieranno dei giochi di potere volti a estromettere il Principe ereditario.


La trama di questo drama è molto carina, e lo svolgimento risulta intrigante e coinvolgente. Questo almeno fino all'episodio 11. A questo punto la storia prende una piega piuttosto banale e la narrazione rallenterà in modo piuttosto brusco. 
Amo i drama storici, mi piace moltissimo l'ambientazione e adoro i costumi (soprattutto nell'era Joseon), ma non è facile trovare un prodotto valido. Avevo aspettative piuttosto altre all'inizio di questa visione, soprattutto per via della rosa degli attori. Sfortunatamente questa serie non ha mantenuto la previsione fino alla fine. 


Park Bo Gum è sempre una garanzia, e anche qui la sua interpretazione ci regala momenti da non dimenticare. In LOVE IN THE MOONLIGHT veste i panni di questo Principe ereditario dolce e affettuoso, ma che sa diventare forte e determinato nei momenti giusti. Kim Yoo Jung, con quel suo visino da bambolina, interpreta questa giovane dal carattere deciso, che però non può fare a meno di intenerirsi di fronte alle attenzioni del Principe. Anche Jung Jin Young, che interpreta il personaggio maschile secondario, ci offre una bella prestazione. Quello che però merita davvero una menzione è Kwak Dong Yeon che, come guardia del corpo e migliore amico di Lee Young, ci affascinerà. 

Consiglio LOVE IN THE MOONLIGHT a chi cerca un Drama Storico carino, con una prima metà davvero coinvolgente, e che si lascia guardare piacevolmente, anche se pian piano rallenta il ritmo. 

Voto 7-



FATED TO LOVE YOU
Genere: Commedia Romantica, Melodramma
Regista: Kim Hee Won, Lee Dong Yoon
Sceneggiatore: Joo Chan Ok, Jo Jin Kook
Anno: 2014
Episodi: 20
Durata: 1 ora circa
Cast: Jang Hyuk, Jang Na Ra, Choi Jin Hyuk, Wang Ji Won, Park Won Sook, Choi Dae Chul, Choi Woo Shik, Na Young Hee
Viki: https://www.viki.com/tv/23484c-fated-to-love-you?locale=it



Trama: 
Fare un errore dopo aver bevuto troppo può cambiare tutto. Lee Gun (Jang Hyuk) è l'erede di una grande azienda gestita dalla sua famiglia. Kim Mi Young (Jang Na Ra) è una donna normale che lavora come segretaria per uno studio legale, il suo soprannome è "Post-it", datole per la sua incapacità di dire no alle richieste dei suoi colleghi che si approfittano della sua gentilezza e del suo carattere debole. Una sera i due si incontrano e ubriachi finiscono per passare la notte insieme. In seguito Mi Young scoprirà d'essere incinta, che ne sarà di loro? E Nam Se Ra (Wang Ji Won) e Daniel (Choi Jin Hyuk) se ne staranno fermi a guardare o permetteranno che Gun e Mi Young affrontino questa situazione da soli? 

“Fated to Love You a.k.a You're My Destiny” è un drama Sudcoreano del 2014, remake del drama taiwanese del 2008 "Fated To Love You."

Quello che c'è da sapere sulla trama lo trovate nella scheda, non voglio dirvi altro. Vi parlerò invece degli attori e delle emozioni che questo drama mi ha trasmesso.

Jang Hyuk (Mr. SunshineMy Country: The New Age) è uno dei miei attori coreani preferiti: è bravo, bello e incredibilmente versatile. Per non parlare della sua voce profonda e calda... come cioccolata fusa. Qui interpreta un ragazzo ricco, viziato e incredibilmente sicuro di sé, ma che riesce a diventare gentile ed effettuoso quando la situazione lo richiede. 
Jang Na Ra (Hello Monster) è un'attrice molto brava nell'interpretare questo brutto anatroccolo con un carattere docile e remissivo. Insieme formano una coppia vincente, dando vita a dei personaggi frizzanti e brillanti. 


Nella prima metà della serie non ho fatto altro che ridere, vi giuro. La storia è carina e molto divertente e il ritmo narrativo è fluido. Con la mia amica Roberta, infatti, abbiamo fatto delle maratone di 8 ore filate di visione, durante la quarantena. Lo so, 8 ore sembrano infinite, ma non riuscivamo davvero a staccarci dal monitor. Purtroppo, da metà drama circa, la storia prende una china decisamente drammatica e il ritmo ha un brusco rallentamento. Non che diventi noioso, ma sicuramente meno scorrevole. 


A parte la storia carina, quello che fa davvero la differenza in questo drama sono gli attori. Non finirò mai di ripetere quanto sia bravo Jang Hyuk, e riesce a rapire l'attenzione dello spettatore come un magnete. Il mio voto infatti dipende molto dalla sua interpretazione e dalla prima metà della serie. Se avesse mantenuto lo stesso ritmo iniziale sarebbe stato sicuramente un 9 pieno. 
Una menzione la merita Choi Jin Hyuk, che qui interpreta un meraviglioso "oppa di quartiere", che ha aiutato a mantenere alto il livello del drama. 

Consiglio FATED TO LOVE YOU a chi cerca un drama divertente, ma che presenta anche dei risvolti drammatici. 

Voto 8



MY HOLO LOVE
Genere: Romance, Fantascienza, Melodramma
Regista: Lee Sang Yeob, Yoon Jong Ho
Sceneggiatore: Ryu Yong Jae, Kim Hwan Chae, Choi Sung Joon
Anno: 2020
Episodi: 12
Durata: 55 minuti circa
Cast: Yoon Hyun Min, Go Sung Hee, Choi Yeo Jin, Hwang Chan Sung, Lee Jung Eun, Kang Seung Hyun, Kim Yong Min, Kim Soo Jin, Son Jong Hak, Jung Young Ki, Jung Yeon Joo, Nam Myung Ryul
Netflix: https://www.netflix.com/title/81008021



Trama: 
A causa di un disturbo che le impedisce di distinguere i lineamenti delle persone, una giovane donna conduce una vita solitaria. Tuttavia, grazie ad un'intelligenza artificiale, riesce piano piano a superare le sue paure.

Ho guardato MY HOLO LOVE attirata principalmente da alcuni nomi molto noti, come ad esempio Lee Jung Eun, conosciuta ormai da tutto il mondo grazie alla sua interpretazione della mamma del protagonista nel film Parasite. Purtroppo la storia, che inizialmente trovavo carina, ha perso piano piano mordente.

Ammetto che sono passati alcuni mesi da quando ho guardato questo drama quindi, un po' perché non lo ricordo benissimo, e un po' perché non mi ha lasciato molto, ho davvero poco di cui scrivere. Posso dirvi che non è una storia brutta, solo poco interessante e non particolarmente brillante. 


Han So Yeon (Go Sung Hee), a seguito di un trauma infantile, non riconosce i volti della gente, li vede infatti tutti sfocati. Per questo non riesce a relazionarsi bene con le persone, finendo per vivere quasi isolata dal mondo. Un giorno però si imbatte in un paio di occhiali, che si rivelano essere un prototipo per un ologramma con un sistema di intelligenza artificiale super avanzato. Diventerà così la prima beta tester di questo prodotto innovativo, finendo per instaurare un'amicizia molto particolare con l'ologramma. Ovviamente l'ologramma è stato creato riproducendo le sembianza del suo inventore, il geniale Go Nan Do, un ragazzo introverso e dai modi molto bruschi, che non vede proprio di buon occhio il legame tra Han So Yeon e il suo prodotto.


Anche se la trama non è malvagia, il suo svolgimento, ma soprattutto il ritmo narrativo non proprio scorrevole, rendono questo drama un prodotto poco più che sufficiente. Sempre a mio modestissimo parere.

Consiglio MY HOLO LOVE a chi cerca un drama dalla trama particolare, che riserva qualche bel colpo di scena. 

Voto 6 ½

Nessun commento:

Posta un commento