Ultime recensioni

lunedì 30 marzo 2020

[Review Party] VENDETTA - Sagara Lux



Care Impertinenti,
oggi la nostra Xania ci parla del libro VENDETTA di Sagara Lux, l'ultimo capitolo della serie Broken Souls.


Genere: Dark Romance
Casa editrice: Self
Data di Uscita: 23 Marzo 2020
Prezzo: € 2.99

Sinossi: Ogni promessa è debito.
Ma nonostante questo, quando si trova a dover scegliere tra le responsabilità e la famiglia, Darren Swan non esita a scappare con le persone che ama e a lasciarsi alle spalle un debito pericoloso, che potrebbe costargli la vita.

Chi tradisce una volta, tradisce sempre.
Tutti conoscono il trattamento che Genz riserva a chi osa sfidarlo. Le sue mani sono sporche di sangue, le sue notti insonni. Non avrà pace finché l’ultimo dei suoi nemici non sarà eliminato.
E accadrà, anche a costo di fare qualcosa di inaccettabile.

Nessuno è innocente.
Quando a essere a rischio è la vita delle persone che amiamo, non esistono limiti né regole.
Tutto ha un prezzo.
La vita. La morte. La vendetta.

LA BROKEN SOULS SERIE
#0 Kim Swan (prequel di Di carne e di piombo)
#1 Di carne e di piombo (autoconclusivo)
#2 Inganno e Riscatto (dilogia autoconclusiva)
#3 Vendetta (autoconclusivo, in uscita il 23 marzo)



VENDETTA di Sagara Lux chiude la serie Broken Souls. L’ultimo capitolo di una saga che si divide tra la violenza e l’amore è arrivata al suo epilogo. In questo romanzo autoconclusivo si portano a termine varie questioni lasciate in sospeso nei precedenti episodi ma, vi avviso, se lo leggete, il finale sarà… WOW!

I protagonisti indiscussi sono Genz e Iryna, ma ampio spazio viene lasciato anche a personaggi secondari a cui viene dato un raggio di azione determinante per le sorti dei nostri protagonisti. 
Genz è il cattivo, sordido, crudele capo di una vasta rete di criminali, tutti lo temono, ha in pugno la città. Aspetto freddo, animo glaciale anche con chi ama perché Lui sa amare, certo che sa amare, a modo suo ma prova emozioni ed è capace di gestirle. La sua famiglia è nel suo cuore, è nelle scelte delle sue azioni, è quello che gli permette di essere ancora un essere umano, nel corpo e nell’anima.

Iryna come tutte le donne forti, testarde, innamorate ma sempre pronte ad attaccare sa che lei ha il potere, ma è ancora troppo sensibile per riuscire a mantenersi fredda e distaccata e a ragionare con astuzia e quel pizzico di follia sempre e comunque. È pur sempre una mamma, una brava mamma che porta nel cuore i propri figli, ovvero l’anello debole della sua esistenza. Nella trama di Vendetta ha un ruolo fondamentale in molte azioni ma sa abbracciare le sue responsabilità come una vera combattente.

Chi ritorna, con grande piacere, in questo romanzo sono Darren e Amanda. Coppia ormai collaudata, più amanti che strateghi, anche loro devono tirarsi fuori da più di una situazione antipatica. Il passato violento e disumano di Darren torna alla ribalta e questa volta chiede di fare i conti con la posta in gioco dal valore inestimabile: la figlia e Amanda sono il premo in palio e mai come ora il gioco di alleanze sarà fondamentale per dare forza e sicurezza a quest’uomo sempre in bilico tra il vecchio mondo torbido e intricato e il nuovo mondo che sa regalargli la pace dell’anima che tanto desidera.

Amanda la conoscevamo come la psicologa, risvegliata dal suo torpore e avventuriera in una vita con Darren che l’ha catapultata in un mondo che non era il suo, ma che lei ha abbracciato in nome dell’amore per il suo uomo. Donna intelligente che usa le sue conoscenze per lanciare un messaggio, riflettere, cercare nel proprio Io le verità che coscientemente non vogliamo affrontare.

E che dire poi del padre di Iryna che veste i panni dell’antagonista senza scomporsi e senza tanti scrupoli. Uomo cattivo che alla fine, forse, come voglio capire, cerca la redenzione, aiuta la figlia che lui stesso ha forzatamente introdotto in questa realtà brutale. Non si è redento ai miei occhi ma di fronte alla morte ha aperto gli occhi e ha mostrato la sua umanità. Questo mi rende meno implacabile nei suoi confronti.

Ecco, quest’ultimo è il filone che mi sembra sia alla base del romanzo: la riscoperta dell’umanità, la luce in fondo al tunnel, il desiderio represso di mostrare quello che di bello e buono proviamo e cerchiamo di dimostrarlo perché coinvolgiamo le persone che ci sono più care. Questo è quello che vedo anche in Genz che se fino ad ora è stato obbligato a fare scelte dettate dal ruolo che svolge, alla fine, a modo suo, anche lui vuole essere libero di abbassare la guardia e di sorridere.

La prima metà del libro è scivolata via in una notte: la tensione è troppo alta e l’urgenza di sapere quello che accadrà ti tiene sveglia. Alcune scene clou, personalmente, le avrei fatte durare un po’ di più immergendole in un pathos maggiore o forse descrivendole in modi tanto contorti quanto le azioni precedenti. Ma questo non mi allontana dal pensare che questo romano merita di essere letto per salutare personaggi che ci hanno fatto sudare e palpitare per qualche ora. Sagara Lux ci dà ancora una volta la prova che è competente del genere e che può farci sognare ancora e ancora. Brava!!!


Nessun commento:

Posta un commento