Ultime recensioni

martedì 31 marzo 2020

[Recensione] MAI UNA GIOIA. AMORI E ALTRI INCIAMPI - Lea Landucci


Ciao Amiche Impertinenti!
Siamo contentissime di partecipare al Review Party del romanzo d'esordio di Lea Landucci, MAI UNA GIOIA. AMORI E ALTRI INCIAMPI
Se fossi in voi non mi farei scappare l'opportunità di leggere questo romanzo che per noi è stata una vera rivelazione.


Genere: Chick-Lit
Casa editrice: Self Publishing 
Data di Uscita ebook: 31 Marzo 2020
Data di Uscita cartaceo: 7 Aprile 2020 
Prezzo: € 10.30 - Ebook 1.99

Sinossi: Cristina ha trent'anni, vive a Firenze ed è una investigatrice digitale:
scopre tutto su tutti analizzando i loro profili sui social network!
È tanto competente e brillante sul lavoro, quanto imbranata e sfigata nel resto della vita.
Ha una madre insopportabile, un padre insicuro, e le sue migliori amiche vivono a centinaia di chilometri da lei.
Il suo ex l'ha lasciata un anno fa con un SMS, il giorno di Natale, e da allora si sente dannatamente sola, anche se non lo ammette. Si barcamena tra la sua “mania dei maniaci”, la sindrome da parlata non supervisionata e la propensione all'innamoramento istantaneo (non ricambiato). L'apoteosi del mai una gioia.
Ma quest’anno ha deciso che sarà IL SUO anno!
Riddurrà a zero le aspettative e si godrà tutto ciò che arriva, con assoluta leggerezza! Applicherà alla lettera le “regole per la perfetta seduttrice”: puntare, sedurre, colpire e abbandonare.
Tutto chiaro.
Forse.


«Una volta una tizia mi disse che la felicità è prima di tutto una responsabilità: bisogna lottare per raggiungerla, lo dobbiamo a noi stesse.»

Quando il mio Boss Federica mi ha chiesto se volevo leggere in anteprima il romanzo di una scrittrice esordiente ero molto indecisa. A essere sincera avevo un po' paura perché leggere il romanzo d’esordio di un’autrice è sempre un salto nel vuoto. Sono contenta di essermi lanciata perché sono caduta su una nuvola soffice fatta di risate, dolcezza e senso di famiglia.
MAI UNA GIOIA. AMORI E ALTRI INCIAMPI è il romanzo d’esordio di Lea Landucci e come inizio posso garantirvi che è una bomba.
Questo romanzo non è la classica commedia romantica, ma è la storia di Cristina Aurori, delle sue avventure e delle sue disavventure nella vita lavorativa e in quella sentimentale. È la storia di un’amicizia al femminile nata sui banchi di scuola che resiste alle distanze e alle differenze caratteriali. E poi c’è anche la storia d’amore, quella che arriva quando meno te lo aspetti e alla fine ti rapisce il cuore.

“Il pensiero positivo vede l’invisibile sente l’intangibile e realizza l’impossibile.”

Cristina è il centro del libro ed io l’ho amata nella sua completezza. È divertente, intelligente, sarcastica, tanto sicura e professionale sul lavoro quanto insicura e sfigata in amore. È lei che ci racconta in prima persona la sua storia e lo fa con semplicità e simpatia. È una ragazza stramba, parla spesso da sola e affibbia nomignoli divertenti a ogni persona. Il suo “flusso di coscienza non supervisionato” durate la lettura mi ha fatto morire dalle risate.
Il rapporto che ha con le sue amiche d’infanzia Sabrina e Daniela è bellissimo. Tutte noi vorremmo avere delle amiche che ti sostengono e supportano nei momenti difficili, che ti accompagnano e ridono con te in quelli felici, ma che ti strigliano e ti scuotono quando stai sbagliando.  
Secondo me c’è proprio l’amicizia al femminile alla base di questo libro; un’amicizia incondizionata, senza secondi fini, che anche quando l’amore ti delude ti scalda il cuore e te lo cura.
Una menzione speciale la devo fare al cagnolino Carmen, che per Cristina è un’amica, una confidente e un’ancora di salvezza quando tutto va a rotoli.
E poi sì, c’è la storia d’amore. Cristina è una donna insicura, che s’innamora facilmente e spesso chiude gli occhi davanti alle mancanze del compagno per paura di restare sola. Non riesce a vedere quanto è bella sia fuori sia dentro e soltanto un avvenimento imprevisto le farà aprire gli occhi e capire che lei si ama così com’è. L’accettazione di se stesse è un altro punto focale del romanzo. Inizialmente Cristina vede in se stessa soltanto i difetti, ma alla fine, cambiando, apre gli occhi e realizza che lei è perfetta e si piace così, con i suoi innumerevoli difetti ma con altrettanti infiniti pregi.
Del ragazzo non vorrei parlarne per paura di svelare troppo e rovinare la storia.

La vita non regala nulla, a volte concede, più spesso prende e pretende.

Complimenti a Lea Landucci che con il suo romanzo d’esordio ci ha fatto capire le enormi potenzialità che ha. Spero che non ci faccia aspettare troppo per il prossimo libro.
In conclusione, consiglio assolutamente la lettura perché è un libro divertente, romantico e ti fa capire che è importante accettare se stessi con i propri pregi e i propri difetti.






1 commento:

  1. Grazie infinite, avete colto l'anima del mio romanzo, e non posso che esserne commossa. <3

    RispondiElimina