Ultime recensioni

sabato 14 marzo 2020

[Recensione] SPENSER CONFIDENTIAL - Film con Mark Wahlberg


Oggi il nostro cinefilo impertinente ci parla di SPENSER CONFIDENTIAL, adattamento cinematografico del libro Wonderland scritto da Ace Atkins, con Mark Wahlberg e disponibile su Netflix.



Genere: poliziesco, thriller, drammatico
Regia: Peter Berg
Soggetto dal romanzo di Ace Atkins
Personaggio creato da Robert B. Parker
Sceneggiatura: Sean O'Keefe, Brian Helgeland
Produttore: Peter Berg, Stephen Levinson, Neal H. Moritz, Mark Wahlberg
Produttore esecutivo: Toby Ascher, Bill Bannerman, John Logan Pierson
Casa di produzione: Film 44, Netflix, Original Film
Fotografia: Tobias A. Schliessler
Montaggio: Michael L. Sale
Effetti speciali: Matt Kutcher
Musiche: Steve Jablonsky
Scenografia: Neil Spisak
Costumi: Virginia Johnson
Attori: Mark Wahlberg, Winston Duke, Alan Arkin, Iliza Shlesinger, Michael Gaston, Bokeem Woodbine, Marc Maron, James DuMont, Post Malone, Colleen Camp, Hope Olaide Wilson, Kip Weeks, Brandon Scales
Paese di produzione: USA 
Anno: 2020
Durata: 111 min
Distribuzione in italiano: Netflix

Trama: Spenser è un poliziotto governato da un profondo senso di giustizia. Incarcerato per aver aggredito un suo superiore, e una volta uscito inizia ad investigare autonomamente per riscattare il nome di un suo ex collega.


Il carcere per un ex poliziotto è molto duro, ma Spenser sa di meritarlo e sceglie di scontare serenamente ogni giorno della sua pena. Uscito dal carcere decide di rifarsi una vita come autista di camion, ma le vecchie abitudini sono dure a morire, e si ritroverà ben presto ad investigare autonomamente sull’improbabile coinvolgimento di un suo collega nella morte del suo ex capo.


Il film ha ovviamente lo stampo del poliziesco, dove il protagonista cerca di risolvere il mistero dietro un omicidio. Tutto è reso in modo abbastanza comico, ma allo stesso tempo molto chiaro. Il buon lavoro di sceneggiatura si nota soprattutto nel fatto che l’alternarsi di serietà e comicità è così ben fatto che nessuna delle due caratteristiche predomina sull’altra. Quello che potrebbe sembrare un film stupido, è invece ben elaborato: la trama è solida e presenta diversi colpi di scena interessanti. 


Molto del lavoro è ovviamente fatto dagli attori. Mark Wahlberg è nel suo ambiente naturale, interpretando un protagonista fortemente scanzonato, ma con un profondo senso della giustizia, ne risulta un lavoro molto buono, pur non essendo un film particolarmente impegnato. Winston Duke non si è visto molto spesso, ma è sicuramente un ottimo attore e in questo ruolo da gigante buono porta a casa un gran risultato. Il vero eroe del film, però, manco a dirlo, è proprio Alan Arkin. Insomma, un attore che non ha certamente bisogno di presentazioni, e che anche qua è veramente fantastico. Menzione speciale per Iliza Shlesinger, non ricordo di averla mai vista, ma ne sono letteralmente rimasto folgorato!


Per tirare le somme: una buona trama, un ottimo cast e la giusta dose di umorismo, rendono Spenser un buon prodotto sul catalogo di Netflix.
Considerazione spiccia: quando ho premuto play non sapevo di preciso a cosa sarei andato incontro, ma devo ammettere di esserne rimasto piacevolmente colpito. Un film leggero, divertente ma per nulla scontato. Insomma, un buon prodotto da guardare in queste grigie serate. 

Voto: 3
L’amichevole GM di quartiere.

Nessun commento:

Posta un commento