Ultime recensioni

giovedì 5 maggio 2022

[Recensione] MISTY - Mary Lin

 

Ciao Impertinenti,
oggi vi parliamo del romanzo MISTY scritto da Mary Lin.
Misty è il quarto libro della serie "Red Oak Manor": ogni libro è autoconclusivo e scritto da autrici diverse.

Genere:
Romance Contemporaneo
Casa editrice: Self Publishing
Data di Uscita: 16 Marzo 2022
Prezzo: € 13.90 - Ebook € 2.99

Trama: RED OAK MANOR COLLECTION #4

Per Connor Reyes il maniero è casa.
Rigido, schematico, severo, ha fatto sue le regole dell’istituto e il suo obiettivo è difendere Red Oak Manor e i ragazzi che vivono lì.
Tutto procede in maniera lineare, fin quando a varcare i cancelli arriva una ragazzina che rischia di minare la sua stoica pazienza.

Per Misty Clark l’istituto è una condanna.
Problematica, sprezzante, insolente, non segue alcuna regola e il suo unico obiettivo è riuscire a scappare dall’incubo che per lei è il maniero. Qualcuno, però, ha il compito di impedirglielo.

Lui non si lascia scalfire dai sentimenti.
Lei è un concentrato di emozioni.
La convivenza forzata di due personalità così diverse non può che generare continui scontri, eppure… dietro la nebbia che circonda quella ragazzina turbolenta e ribelle, Connor riesce a scorgere il dolore che la tiene prigioniera. Per arrivare alla vera Misty, dovrà squarciare il velo del passato dietro cui lei si nasconde.

Misty è un rompicapo emotivo, ma Connor è deciso a risolverlo.

Misty è il IV° volume della Red Oak Manor Collection. Tutti e dieci i libri che la compongono sono autoconclusivi e scritti da autrici diverse. La lettura di ognuno di loro può essere affrontata indipendentemente da quella dei volumi precedenti o successivi.


RED OAK MANOR COLLECTION
#1. WINGS di Valentina Ferraro
#2. STUCK di Marilena Barbagallo
#3.
ISSUE di Bianca Ferrari
#4. MISTY di Mary Lin
#5.
Wrong
#6. Cruel
#7. Candy
#8. Caged
#9.
Jaded
#10. Shine


Ciao impertinenti!
Eccoci arrivati al 4° volume della "Red Oak Manor Collection": MISTY scritto da Mary Lin.

I due protagonisti li abbiamo già incontrati nei libri precedenti, ma finalmente possiamo conoscerli meglio. 
Connor è arrivato al maniero a 9 anni e, anche se per pochi anni, ha vissuto sotto la terribile Miss Price; ma ora l’orfanotrofio di Red Oak Town è gestito da Miss June. Il maniero non è più lo stesso, gli ambienti, ma soprattutto le persone dentro, possono sostenere che sia una casa dove trovare affetto e amore, e questo Connor lo sa. Ha subito la metamorfosi del maniero, l’ha vissuta e con le sue regole cerca di imporre ubbidienza e rispetto; regole che cerca di imporre anche alla nuova arrivata, Misty, ma con scarsi risultati. 

“Ed è questo che mi fa giungere a una conclusione: Misty non è più un compito. 
Misty è diventata un bisogno .”

Se Connor è schivo, riservato, taciturno, educato e ubbidente… Misty è tutto il contrario, è menefreghista, maleducata, spavalda e appariscente.

Misty è caos, ed è proprio il caos che porterà nella vita di Connor.
Misty arriva al maniero annientata, un fantasma di se stessa, un'adolescente che ha perso tutto, ma non i ricordi. Sono proprio quei ricordi a tormentarla di notte, rivivendo la stessa scena mille volte, e di giorno, quando meno se lo aspetta. 
Mentre tutti guardano Misty come una piantagrane, Connor vede in lei qualcosa di più, un segnale, un allarme, un urlo di aiuto.

I due inizialmente non si sopportano, cercano di stare lontani gli uni dagli altri, ma sono come due poli diversi che si attraggono, e quando stanno insieme dividerli è difficile. 

“Siamo nati per stare insieme. Poco importa che siamo come il giorno e la notte. Noi siamo nati per stare insieme.”

Entrambi hanno un passato difficile, ma se Connor è riuscito a crearsi una vita con delle fondamenta solide e delle convinzioni, Misty non riesce a guardare e a pensare al futuro, per lei c’è solo il passato e riuscire a sopravvivere al presente.

Se pensate che sia il solito young adult dove i due adolescenti si innamorano vi sbagliate, Misty è molto di più! 
Il libro è scritto a pov alterni, e così facendo entriamo meglio nella testa dei protagonisti. A differenza dei primi libri non c’è nessun salto temporale, se non qualche flash back, la storia viene narrata su un’unica linea temporale.

Mary Lin tratta un tema terribile, ma con la sua scrittura fluida e delicata lo rende più accettabile, forse. La sofferenza percepita dai protagonisti la possiamo vivere sulla nostra pelle, la verità è disarmante e lacera nel profondo! MISTY è un libro che mescola alla perfezione pianti e risate, gioia e dolore…  i due protagonisti si cozzano, litigano e si amano. C’è tanto, molto di più che a parole è difficile da spiegare, ecco perché consiglio di leggerlo, perché è l’unico modo per comprendere la meraviglia di questa storia. 

Non sapevo cosa aspettarmi, ma di certo anche questo volume non ha deluso.
Con la speranza di incontrarli nei prossimi libri, un abbraccio a Connor e Misty.




Nessun commento:

Posta un commento