Ultime recensioni

lunedì 11 ottobre 2021

[Recenzione] STELLA DELLA NOTTE - Ilaria Varese

Ciao Impertinenti
oggi vi parliamo del romanzo STELLA DELA NOTTE, quarto libro della serie "Winter Fè" scritta da Ilaria Varese.

Genere:
Fantasy
Casa editrice: La Corte Editore
Data di Uscita: 08 Luglio 2021
Prezzo: € 17.95 - Ebook €9.99

Trama: Quando atterra a New York sotto il falso nome di Joy Forrest, Gwen è convinta che la sua vita sia ufficialmente finita. Ospitata in gran segreto da un vecchio amico di suo zio per sfuggire all’FBI, quell’appartamento di Manhattan diventa la sua prigione personale, una torre dalla quale non le è concesso di scendere mai. Finché la situazione precaria scatenata dall’incidente di Pasadena non precipita. Le prove sull’esistenza dei licantropi sono schiaccianti ed è ormai chiaro a tutti che non si tratta più di se ci sarà una rivelazione della dimensione sovrannaturale, ma di quando. Cosa succederà nel momento in cui gli esseri umani prenderanno coscienza di vivere a stretto contatto con delle creature potenzialmente pericolose? Che le piaccia o no, Gwen è chiamata a fare la sua parte per scongiurare il peggio, perché chi meglio di lei, che appartiene a entrambi i mondi, potrebbe conciliare specie così diverse? In questo quarto volume della Winter Fe’ Saga, con la metropoli più celebre d’America a fare da sfondo, nuovi personaggi si posizionano sulla scacchiera per affrontare la battaglia mediatica più sconvolgente della storia, un gioco di mosse e contromosse che determinerà le sorti dell’intera comunità sovrannaturale e il destino delle persone che amano. A Gwen la scelta: arrendersi e fuggire via, oppure iniziare a credere in se stessa e diventare il simbolo di una lotta rivoluzionaria.

WINTER FE' Series
#1. LUNA D'INVERNO
#1,5. Sangue Puro
#2. BACIO DI FUOCO
#3. CROCE D'ARGENTO 
#4. STELLA DELLA NOTTE 

Ciao Impertinenti,
ci siamo, ecco il 4 volume tanto atteso dalle amanti della Saga Winter Fe'.
Il terzo volume si è concluso con il mondo sconvolto dalla cattura di un grosso lupo a Pasadena e la misteriosa ragazza dai capelli bianchi argentei che urlava di liberarlo. Eccoci che ci ritroviamo con una Gwen spezzata per l'ennesima volta.
Questa volta la cattura di suo fratello Chase è stata indirettamente colpa sua, perché se non si fosse rifugiata nella tana del nemico, probabilmente niente di tutto ciò sarebbe successo... ma in realtà con Ilaria Varese nulla è scontato!
Dimentichiamo Gwen dalla pelle lattea e dai lunghi capelli bianchi, a New York atterra Joy dai capelli corti e scuri e occhiali da vista.
Un attico sulla quinta strada vista Central Park diventa il nuovo rifugio di Gwen o come meglio preferisce chiamarlo lei, la sua nuova prigione. Ad ospitarla è Stephen Weiss, famoso giornalista del Times, ma soprattutto un leone mannaro, amico intimo di suo Zio Dom. Stephen è il primo personaggio che incontriamo in questo nuovo capitolo e l'ho semplicemente amato.
Sarcastico, furbo, intelligente e bello da mozzare il fiato, dà finalmente una bella scossa a Gwen; è il primo a non trattarla come una principessa e quando dice che si prenderà cura di lei, lo fa realmente!

"Ma ti senti? Io, io, io... Sembra che i problemi li abbia solo tu."
"Non ho detto questo".
"Si, invece. Parli come se tutti ce l'avessero conte e il mondo intero ti odiasse. Cosa vuoi, ragazza? Compassione, solidarietà, rispetto?" replicò.

In quell'appartamento Gwen incontra anche Andrew, un vampiro amico intimo di Steph; Gwen non ha particolarmente piacere a conoscerlo, per lei i vampiri finora sono stati dei nemici, ma grazie al carattere dolce e docile, ma soprattutto determinate "verità" che Andrew le fa notare, piano piano instaurano un rapporto di profonda amicizia.
Così grazie alla vicinanza e all'aiuto di Steph e Andrew, ritroviamo una nuova Gwen intraprendente e determinata! Pronta a tutto pur di salvare suo fratello Chase dal governo americano, ma soprattutto a lanciarsi in un progetto per rivelare al mondo intero la loro esistenza.
La conoscenza se pur inizialmente non idilliaca con Zachary Dunn rende il tutto più adrenalinico. L'Alfa di New York è arrogante, potente, narcisista e pieno di sé; a tratti ragionevole, cambia tempestivamente umore e la vicinanza di Gwen lo rende un po' meno duro ma pur sempre temibile.
I Dunn sono dei lupi mannari puro sangue da generazioni, la scrittrice è stata bravissima a caratterizzare l'evoluzione della famiglia, discendente da Hati e Sköll, storia che Christian aveva raccontato a Gwen, ma che sotto l'aspetto dei Dunn rivela un aspetto fondamentale come il mantenere la discendenza tra di loro.
Zachary al comando della famiglia Dunn, e come anticipato Alfa di New York non solo dei lupi ma di tutti gli esseri "diversi"; è un uomo potente, ma non ha fatto i conti con Gwen che si rivela essere un punto fondamentale non solo per la riuscita del progetto ma per la sua famiglia stessa.
Gwen diventa la Stella (altro non posso raccontarvi non odiatemi), sarà simbolo di libertà, di rivolta, ma anche di sofferenza e di amore; Gwen potrebbe essere il futuro che tutti aspettano.

"Zachary piantò le zampe a terra, sollevò la testa e cacciò un ululato potente, a cui seguirono quelli degli altri. Se avessi potuto, avrei ululato anch'io.
Quella era la nostra voce".

Ilaria Varese ancora una volta mi ha incastrata, se da una parte si ama la protagonista dall'altra la si odia; ci ha abituate finora ad apprezzare ogni suo lato, ma di certo quello che preferisco è la grinta che tira fuori nei momenti più delicati.
Amo follemente l'idea di poter incontrare nuovamente Maurice nei loro sogni onirici e ora ritrovare Christian anche se pur distrutto.
In questo volume inoltre, troviamo un'inedita Gwen propensa al sesso, e ripeto non amore, ma sesso; scene particolarmente bollenti ma per nulla volgari, ma che con un pizzico di immaginazione....
Concludo con l'unica nota negativa che mi ha fatto storcere un po' il naso, che ci sia del potere in lei lo abbiamo capito e non aspettiamo altro che possa uscire fuori. Ringrazio per l'assaggio in questo capitolo che mi ha letteralmente fatta "ululare", ma questo suo potere di cui neanche lei ne è a conoscenza è diventato un po' pesante.
Ok il link con Maurice dopo lo scambio di sangue, ma addirittura dopo con Christian, Stephen che solo con il contatto è completamente assoggettato, addirittura dei lupi che non sapendo chi sia, gli sono diventati fedeli... ecco c'è stato a un certo punto una sorta di sortilegio ma un po' troppo forzato. Non dico di non averlo apprezzato ma forse è stato un po' troppo (ovviamente per me).
Detto ciò, non posso però non consigliarvi di leggerlo, anzi, dovete perché Ilaria Varese è una scrittrice dalla scrittura coinvolgente e mai banale, in grado di caratterizzare i protagonisti nuovi e ritrovati donandogli autenticità e personalità.
Buona lettura impertinenti ed alla prossima.






Nessun commento:

Posta un commento