Ultime recensioni

giovedì 7 maggio 2020

[Review Tour] P... COME PASSIONE - Serena Brucculeri


La nostra Simo oggi ci parla di P... COME PASSIONE, 4° capitolo della serie "Never forget" di Serena Brucculeri edita da Darcy Edizioni.

Genere: Romance Contemporaneo
Casa editrice: Darcy Edizioni
Data di Uscita: 27 Aprile 2020
Prezzo: € 16.00 - Ebook € 2.99

Sinossi: Cal Harper è un cowboy tutto d’un pezzo, dedito al suo ranch e amante della natura. Ama il lavoro duro, la fatica, il sudore che bagna la pelle e fa sentire vivo. Cal non vuole legami, non rinuncerebbe mai alla propria libertà e assolutamente non vuole nessuna donna per casa… Peccato che Jenny, una cara amica di famiglia che lui considera come la sorellina minore, si sia trasferita proprio a casa sua.

E come se non bastasse, Jenny ha sempre avuto un debole per lui fin da ragazzina e vivere insieme a Cal rende complicato zittire i suoi sentimenti. Al punto tale da elaborare un piano che potrebbe rivelarsi un gioco eccitante ma pericoloso.

Serie "Never forget"
#1. A... come amore
#2. S... come sexy
#3. N... come noi
#4. P... COME PASSIONE



Siamo giunti al 4 capitolo della saga "Never Forget" di Serena Brucculeri.

Scorbutico, orso, magnetico, freddo, introspettivo... tutti aggettivi che calzano a pennello per Cal, il ragazzo dagli occhi blu cobalto che fa vibrare ogni donna nelle vicinanze di Houston o Monty Pepper. 
Cal Harper, il maggiore dei fratelli Harper, è un cowboy dagli addominali di acciaio, un uomo tutto d'un pezzo che si ritrova in una stramba situazione. Sua mamma e sua sorella Molly lo obbligano ad ospitare la migliore amica della sorella che presto inizierà a lavorare nell'ospedale di Houston.
Jenny ha venticinque anni, è una ragazza molto insicura, timida e impacciata, ma la cosa che più la spaventa è mostrare a qualcuno la vera se stessa. Riesce ad acquisire un po' di sicurezza solo quando indossa i suoi amati tacchi, i suoi splendidi vestiti e il suo rossetto rosso. 

La loro convivenza non inizia nel migliore dei modi, Jenny è profondamente innamorata di Cal fin da bambina, quando con le treccine e la gonnellina lo seguiva ovunque. Cal ha da sempre un'infatuazione segreta per la bella "ragazzina" ma cerca da sempre di nascondere la sua cotta ed i suoi veri desideri perché sa che con Jenny non può essere solo il divertimento di una notte. Lei è la migliore amica di sua sorella, è come fosse una di famiglia e poi... è Jenny!

Con questa prerogativa inizia la loro instabile convivenza. Cal si scopre geloso dei ragazzi che lavorono nel suo ranch perché hanno particolari attenzioni per Jenny e questa sua debolezza fa si che si comporti da emerito "st****" nei  confronti di lei, offendendo perennemente il suo cuore ed orgoglio.
La goccia che fa traboccare il vaso però è quando Cal porta a casa una bella rossa per spassarsela per una notte. Jenny, perdutamente e segretamente innamorata, fa in modo di rovinargli la festa e la sua gelosia la porta ad essere sfrontata e sicura, cosa che solitamente non è.

«È buffo che tu senta la necessità di scomodarti a uscire per provare a vivere piacevoli avventure, quando hai me, qui, sotto il tuo stesso tetto.»
«Jenny, forse non ti rendi conto di quello che dici» mi avverte con
voce bassa e roca.
«Forse, ma sai, i ricordi migliori dell’adolescenza mitigano il senso
di lontananza da casa, placano la nostalgia e affinano la
determinazione all’adattamento.» 

Il quarto romanzo di Serena Brucculeri lo aspettavo davvero tanto, soprattutto terminata la lettura del secondo libro speravo immensamente di poter trovare l'enigmatico e sconosciuto fratellone; ma ahimè sono rimasta un po' delusa. Non dai personaggi, intendiamoci, perché Cal è il classico uomo tutto ombra e durezza che pian piano fa trasparire il suo lato tenero che ti fa sciogliere come gelato al sole, ma dalla trama in generale.
La scrittura é scorrevole, divertente e ad un certo punto decisamente piccante; un colpo di scena ha destato subito molto interesse ma la fine è risultata un po' scontata.
Avrei letto ancora molto su Cal e Jenny, l'unica mia delusione è che il romanzo sia finito in maniera troppo sbrigativa.

Un punto a favore della scrittrice è che anche in questo romanzo è riuscita a scrivere una storia autoconclusiva e coinvolgente. La narrazione da entrambi i POV la rende leggera e piacevole e soprattutto le scene "piccanti" non sono mai volgari, ma non lasciano molto all'immaginazione. Inoltre ritrovare i vecchi amici, che mi hanno fatta sognare nei precedenti libri, é sempre un piacere.




Nessun commento:

Posta un commento