Ultime recensioni

domenica 24 febbraio 2019

[Intervista] INCONTRO CON GAYLE FORMAN

Care Impertinenti, grazie alla Mondadori abbiamo potuto incontrare la scorsa settimana a Roma la bravissima autrice Gayle Forman!
La conoscerete sicuramente per aver scritto il romanzo Resta anche domani, divenuto un film con l’attrice Chloë Grace Moretz.



La protagonista di Resta anche domani suona il violino, nel Il nostro giorno migliore una delle protagoniste canta. Quanto ti influenza la musica nella vita?
Non sono una musicista. Mentre scrivevo Resta anche domani non ho ascoltato musica perché ero davvero troppo concentrata, avevo bisogno di silenzio. Ma credo che la musica abbia accesso a uno spazio profondo dentro di noi che accende i sentimenti, per questo capita che piangiamo dopo aver ascoltato un brano. La musica e l’amore sono interconnessi.

Resta anche domani è il tuo primo romanzo di successo, ma non è stato il primo che hai scritto. Hai ansia da prestazione quando inizi un nuovo libro ora che sei un’autrice di successo e molti si aspettano sempre di più da te?
Sì. Ma l’attesa del giudizio del pubblico è la parte migliore! In genere rimango molto zen, cerco di pensare che il giorno di uscita di un mio libro sia un giorno come gli altri.

Girava voce di un adattamento cinematografico di Per un anno d’amore/ Per un giorno d’amore, è ancora aperta la possibilità di vederlo sul grande schermo?
Richiedetemelo tra 3 mesi e forse potrei dirvi qualcosa di più.

Anche tu come i tuoi protagonisti di Per un anno d’amore e Per un giorno d’amore hai viaggiato molto per l’Europa?
Sì, dopo il diploma ho fatto il giro dell’Europa, un viaggio che ha trasformato la mia vita. I miei libri sono stati una specie di lettera d’amore per quel viaggio.

Resta anche domani è nato come libro singolo o pensavi già di scrivere un seguito?
Non intendevo scrivere il sequel, ma Adam e Mia continuavano a bussare alla mia porta. Due anni dopo mi sono resa conto di dover scrivere la storia di Adam, continuava a chiamarmi.

Che effetto ti ha fatto vedere i tuoi personaggi sul grande schermo e che rapporto c’era con i produttori del film?
Prima che il film uscisse abbiamo avuto 6 anni di lavoro. Ho conosciuto gli sceneggiatori, il regista e poi gli attori. Mi hanno coinvolto molto e sono davvero soddisfatta del risultato.

Perché hai scelto il violoncello per Mia?
Non so, mi è apparsa nella mente questa ragazza di 17 anni con i capelli e gli occhi neri e che suonava il violoncello. Non ho mai studiato musica, a parte un anno di chitarra, ma il violoncello scatena in me delle magnifiche emozioni. Sono un'amante del violoncello senza saperlo.

I tuoi libri affrontano il dolore in maniera profonda, ma allo stesso tempo hanno tantissima luce dentro, danno speranza e non sono cupi. Per scriverli hai incontrato persone che attraversavano momenti difficili, li hai vissuti tu stessa oppure hai solo usato l’immaginazione?
Un po’ tutte le cose. Anche se io non ho le esperienze tragiche e dolorose dei mie personaggi, in un certo senso riesco comunque a capirli, come lo potete fare anche voi.  Credo che ad emozionare in un libro siano i sentimenti. Sentimenti ed emozioni che riusciamo a provare perché familiari e universali. Rendo i miei libri pieni di speranza perché mi piace mostrare come dei giovani nei momenti più bui della loro vita riescono ad avere la forza di andare avanti e trovano conforto nelle persone intorno a loro.

In tutti i tuoi libri c’è un evento estremo (incidente in macchina, attacco di cuore, perdita di voce ecc..), credi sia necessario un evento scatenante per permettere ai tuoi personaggi in qualche modo di cambiare?
No, non è necessario un evento drammatico. In Per un giorno d’amore/ Per un anno d’amore c’è un viaggio in Europa e basta un giorno per far capire ai personaggi che vogliono altro nella vita. La drammaticità esiste nella vita di tutti i giorni, può essere un fatto eclatante oppure una cosa più sottile, l’importante è rendersi conto a un certo punto della vita dove si vuole arrivare.

Hai nuovi progetti?
Tantissimi. Sto lavorando a un audiolibro di carattere storico, un libro per ragazzi e un paio di lavori per la tv.

Quando inizi a scrivere un nuovo libro hai una trama ben definita oppure ti lasci trasportare dai tuoi personaggi?
Vorrei tanto avere un piano di azione, ma in realtà ho solo un forte punto di partenza e so più o meno dove andrò a finire, ma nel mezzo può succedere di tutto. Così però è divertente e stimolante, capita che ti trovi davanti a diversi muri da superare, o devi tornare indietro e ricominciare. Alla fine scopri che qualcosa che avevi scritto nel capitolo 2 si lega al capitolo 33 e senti che è magia.

Hai un posto speciale dove scrivere? Ascolti la musica per ispirarti? Posso scrivere ovunque: nella metro, sull’aereo, a casa, in cucina, a letto. 
Non ascolto musica quando scrivo, ma mi piace ascoltare musica quando non lo faccio e credo che questa comunque mi influenzi. Ad esempio quando ascolto Adele, Rolling in the deep, piango sempre.


Perché hai scelto di scrivere Young adult?
Ho sempre desiderato scrivere per ragazzi, anche da giornalista scrivevo per questo target.

A distanza di anni, cambieresti qualcosa delle storie che hai già scritto?
Capita spesso che mentre faccio l’ultima lettura prima della pubblicazione mi metto a modificare tutto. Il libro non è davvero mai finito, viene solo pubblicato. Quindi sicuramente se rileggessi un mio libro cambierei le cose.

Quale è stato il libro più facile e quello più difficile da scrivere fino ad oggi?
Il più facile di tutti è stato Resta anche domani perché non avevo idea che sarebbe stato pubblicato. Mi sono sentita libera. Il più difficile è stato Il nostro giorno migliore perché avevo diversi protagonisti da muovere in un lasso di tempo molto breve.

Ambienteresti mai i tuoi romanzi in Italia, magari rimanendo in Italia per qualche tempo?
Sì, soprattutto le mie figlie vorrebbero vivere qui. Amo Roma e quest’anno passerò un bel po’ di tempo in Italia.

Trovi difficoltà a strutturare le tue storie in un arco di tempo così breve (di solito 1 giorno solo)?
Credo sia una vera sfida, ma intensifica la drammaticità e il ritmo.

Ti conosciamo come scrittrice, ma che tipo di lettrice sei?
Ascolto saggistica e leggo autori contemporanei. Quando leggo autori che hanno scritto qualcosa di magnifico e originale sono gelosissima!

Quando scrivi, leggi comunque altri libri?
Non smetto mai di leggere, magari evito solo libri che potrebbero essere troppo simili a quello che sto scrivendo.

Hai sempre desiderato fare la scrittrice?
No, ma ho sempre scritto storie. 





1 commento:

  1. Proprio qualche settimana fa ho letto Resta anche domani, ed è stata una piacevole sorpresa! Non so perché, ma non mi aspettavo un romanzo con tematiche così profonde e per nulla banali. Sinceramente però non avrei mai detto che la Forman non fosse coinvolta personalmente nel mondo della musica; da come ne scrive la immaginavo un'appassionata con una colonna sonora fissa durante la stesura dei suoi romanzi!

    RispondiElimina