Ultime recensioni

domenica 10 febbraio 2019

[Recensione] YOU - Caroline Kepnes

Oggi la nostra aliena vi parlerà di YOU, il Thriller Psicologico di Caroline Kepnes da cui è tratta l'omonima serie TV distribuita da Netflix.

Genere: Thriller Psicologico
Casa editrice: Mondadori
Data di Uscita: 4 Gennaio 2019
Prezzo: € 17.00 - Ebook € 8.99

Sinossi: Basta una mano che chiude con gentilezza la porta della libreria per non farla sbattere, basta la scelta di un libro né troppo sofisticato né troppo sciocco, basta un maglione a V senza reggiseno, ed ecco che la fantasia di Joe si mette in moto.

Joe è un libraio dell’East Village, ama il suo lavoro e ha una personalissima idea sui libri che bisognerebbe leggere, e poi ha un certo occhio per i suoi clienti. Non gli può sfuggire la giovane, carina, sessualmente provocante Guinevere Beck, aspirante scrittrice che ha appena varcato la soglia e ora vaga tra gli scaffali rifugiandosi tra la F e la K, lanciando dietro di sé un sorrisetto malizioso.

Beck è tutto ciò che Joe ha sempre desiderato: glaciale e al contempo più sexy di qualsiasi fantasia estrema, ha l’aria da dura, e racconta un sacco di bugie che la rendono misteriosa e ancora più affascinante. E poi non la smette di scrivere, scrive di tutto tranne che il proprio romanzo: mail alle amiche, twitter, sms, un mondo intero di informazioni private facilmente accessibili e tutti sembrano essere molto, ma molto interessati a lei.

Beck ancora non lo sa, ma lei è perfetta per Joe, è la sua anima gemella. E presto non potrà più resistere a un ragazzo che sembra disposto a tutto per lei.

Ma c’è qualcosa che sfugge a entrambi. Qualcosa di Joe che Beck non ha del tutto realizzato. Qualcosa di nascosto dietro la meravigliosa facciata di Beck. E la loro reciproca ossessione potrebbe rivelarsi non così innocua…


Ho voluto leggere questo libro perché sapevo che Netflix l’aveva reso una serie.
Vedrò la serie.

Il libro mi è piaciuto molto, ha uno stile davvero d’effetto (scritto in seconda persona) con l’unico punto di vista del protagonista e tuttavia è davvero raro (bisogna essere molto bravi) tenermi lì incollata senza desiderare mai (neppure una volta) di sapere cosa pensa e cosa fa la protagonista dal punto di vista di lei.
Tutto il romanzo è impostato su Joe che parla a Beck di tutto quello che pensa e che fa, e questo conferisce alla storia un ritmo incalzante ed è inutile dire che l’attenzione è sempre alle stelle.
Una cosa che mi ha veramente colpito sono le scene di sesso, molto lontane da quello a cui magari le lettrici di romance potrebbero essere abituate, eppure non meno potenti o emozionanti. Si sente che è scritto da una sensibilità femminile per quanto devo comunque fare i complimenti all’autrice per come si è calata nella psicologia e linguaggio maschile.

Devo davvero sottolinearlo? I personaggi sono atomici. Coscientemente, con tutti i sensi all’erta, tu (io) *non* vuoi parteggiare per Joe, no, proprio no… ma allo stesso tempo Beck ti sfugge e quindi non puoi far altro che farti trascinare dalla narrazione e vedere come va a finire tra loro due. E quando sei lì che pensi “Adesso è finita” non sapendo se è un bene o un male - anzi sai che sarebbe un male! - c’è un colpo di scena.

Tutti i copi di scena sono gestiti benissimo, c’è giusto uno scivolone sul finale che sa molto di “americanata” ma a parte questo, e forse anche un po’ per molti riferimenti a una certa letteratura americana che magari da noi non è parte del nostro background scolastico, è sicuramente un libro che merita di essere letto.

Commento impertinente. Eh, lo so che l’ebook ha un costo a oggi non indifferente rispetto a quelli di altri romanzi però penso che un romanzo esprime la sua funzione nel momento in cui lo leggo e mi rimane impresso (e magari voglio rileggerlo) e non perché lo metto su uno scaffale a prendere polvere. Comunque, potete sempre acquistare il cartaceo se il rapporto prezzo/oggetto non vi soddisfa! 😉

Come dicevo, vedrò la serie… mi ero imposta di non andarmi a spoilerare nulla, ma non ho resistito! Purtroppo, negli adattamenti televisivi, qualcosa viene sempre modificato, e non importa se il libro è già praticamente una sceneggiatura cinematografica. Insomma, ho capito che rispetto al libro si è dato risalto a certi personaggi secondari piuttosto che altri e se ne è inventato uno di sana pianta per meglio sviluppare la psicologia di Joe. In fondo un adattamento cinematografico è un po’ come una traduzione: meglio letterale ma bruttina oppure bella ma infedele?

A chi può piacere questo romanzo?
A chi ama i Thriller che tengono con il fiato sospeso.
Sicuramente piacerà a chi ama i personaggi chiaroscuri con una grande propensione allo “scuro”.
E piacerà anche a chi è stato a New York e ha macinato isolati nel Lower East side e magari ha fatto pure una capatina nel Massachussets se non proprio nel Rhode Island.
Bye Bye alla prossima


Nessun commento:

Posta un commento