Ultime recensioni

martedì 1 giugno 2021

[Recensione] IL NEGOZIO DEL LIETO FINE - Ali McNamara


Care Lettrici Impertinenti, siamo liete di presentarvi una nuova collaboratrice.
Angel oggi ci parlerà dell'ultimo romanzo di Ali McNamara, IL NEGOZIO DEL LIETO FINE, uscito il 27 Maggio per la Newton Compton.


Genere: Romance Contemporaneo
Casa editrice: Newton Compton
Data di Uscita: 27 Maggio 2021
Prezzo: € 9.90 - Ebook € 5.99

Trama: Kate è al settimo cielo. Tutti i suoi sogni sembrano essersi avverati da quando ha aperto un piccolo negozio di artigianato nell’idilliaca città portuale di St Felix. Arroccata sulle scogliere della Cornovaglia, St Felix è il paradiso in terra. Un giorno, proprio mentre si trova nel suo adorato negozio, Kate fa una scoperta sorprendente: una storia d’amore risalente a decenni prima, raccontata attraverso bellissimi dipinti e intricati ricami. Jack, il proprietario del vicino negozio d’arte, si offre di aiutarla a far luce sul mistero legato a quell’amore. Nel corso delle loro ricerche, però, Jake e Kate si rendono conto che le loro vite hanno alcune inquietanti somiglianze con quelle di Clara e Arty, i due amanti vissuti negli anni Cinquanta… Potrebbero essere forse loro a rimediare a un torto vecchio di decenni? Trovando anche il lieto fine lungo il cammino?

Una storia d’amore che intreccia presente e passato come in un incantesimo

«Un’incantevole fuga al mare. Pura magia!»
Heidi Swain

«St Felix mi ha rubato il cuore ancora una volta; una lettura estiva perfetta e frizzante.»
Cathy Bramley



Kate è una mamma single molto determinata. Dopo essere rimasta delusa per ben due volte, sceglie di rimboccarsi le maniche e dedicare la propria vita ad un sogno che l’accompagna da tempo. Ed è così che riesce ad aprire un piccolo negozio di artigianato nel settore merceologico, che darà da vivere a lei e sua figlia. Saint Felix è il posto ideale dove affogare la vecchia vita trascorsa tra le scartoffie finanziarie, abbandonando definitivamente la caotica mansione che non le apparteneva più. Ora Kate può godersi lo splendido panorama mozzafiato sulla costa della Cornovaglia, situata nella punta estrema a sud-ovest del Regno Unito. È qui che ha scelto di trasferirsi, cominciando un capitolo nuovo della sua vita, dove nessuno conosce il suo passato. Tutto sembra perfetto, è persino riuscita ad acquisire la signora che lavorava in quel negozio prima che diventasse suo. Anita sarà una mamma amorevole che l’aiuterà insieme al fidato ed esuberante Sebastian, nella gestione di quel piccolo angolo di paradiso per chi ama l’arte in ogni sua sfaccettatura e non solo. Un giorno qualcuno, arrivato da chissà dove, decide di aprire un negozio d’arte a pochi passi dal porto. Chi è? E come mai qui? Ma soprattutto perché aprire qualcosa di simile al suo, visto che nel seminterrato anche lei dispone di materiale per dipingere? Saint Felix è la cittadina scelta da molti artisti per le sue caratteristiche pittoresche, ed è per questo che i guadagni di Kate sono così proficui. 

«Oh, è davvero una macchina da cucire! E sembra anche molto vecchia». 
«Preferisco definirla “vintage”».
«Credo che risalga alla prima metà del XX secolo, o forse anche prima». 
«Forse». 
«Dubito che funzioni ancora però»
          
Mentre si porrà tutte queste domande, le risposte arriveranno giorno per giorno, da una vecchia macchina per cucire regalatale da Noah, il proprietario del negozio di antiquariato all’angolo; anche Jack - il nuovo negoziante - acquisterà un cavalletto e delle tele da lui. La magia aleggerà sul pelo dell’acqua a suon di colori e ricami perfettamente intricati, unendo Kate e Jack in una danza di ricordi legati agli anni cinquanta, e dando vita a qualcosa che nessuno di loro aveva mai immaginato. 

Il racconto è scritto dalla voce narrante della protagonista – che prediligo rispetto a quelli in terza persona –, permettendo al lettore di sentire ogni sua sensazione, senza passare da intermediari. Ci troviamo ai giorni nostri sullo sfondo della tecnologia con salti temporali che ci permetteranno di seguire bene i misteri legati a Saint Felix.
Ali McNamara è solita ambientare i suoi racconti sullo sfondo di meravigliose distese d’acqua, che ad ogni riga permettono di tuffarsi nelle sue storie senza difficoltà. Questa volta, oltre al romance, troviamo una parte “mistery” e punti di riflessione su un aspetto ancora pieno di lacune: la disabilità.

La scrittrice ci farà toccare con il cuore le sensazioni di chi ogni giorno vive con questa problematica che sì, rallenta i ritmi di vita rendendola spesso complicata, ma che non ha bisogno di compassione. 

I personaggi della storia sono ben definiti e mi sono ritrovata a vestire i panni dei protagonisti, in quanto entrambi si legano un po' alla mia vita per svariati motivi. Ho trovato il libro molto scorrevole, fatta eccezione della parte centrale, dove talvolta è risultato lento, ma riprendendosi molto bene negli ultimi capitoli che mi hanno tenuta legata fino all’ultima battuta. Avrei preferito che si lavorasse un po' di più su certi aspetti del racconto, dove talvolta alcuni personaggi non sono sembrati del tutto realistici. Tutto sommato, ritengo questa lettura degna di passare tra le mani di chi ha voglia di sognare ma che, allo stesso tempo, vuole viaggiare rimanendo esattamente dove si trova. 

Conclusione: libro molto bello ma, da questa scrittrice, mi aspettavo un tantino di più. Io sono riuscita a leggerlo in due giorni abbondanti.






1 commento:

  1. Eleonora Masolini16 luglio 2021 11:31

    Sembra molto interessante questo libro, darò un'occhiata!Complimenti per la recensione, molto fresca e coinvolgente!😊

    RispondiElimina