Ultime recensioni

giovedì 13 dicembre 2018

[Review Party] BROKEN - Daria Torresan

Il destino ti aspetta sulla strada che hai scelto per evitarlo.

Buongiorno Impertinenti! Questo proverbio arabo credo sia l’inizio perfetto per raccontarvi BROKEN di Daria Torresan che ho avuto il piacere di leggere in anteprima.

Genere: Romance Contemporaneo
Casa editrice: Self Publishing
Data di Uscita: 6 Dicembre 2018
Prezzo: Ebook € 2.99


Sinossi: In una sola notte avevo scoperto che poteva esistere un buio più nero dell’oscurità. E in quel buio, io mi ero inabissata. Avevo perso un pezzo del mio cuore, l’uomo con il quale avrei voluto trascorrere il resto della mia vita. Tutto attorno a me continuava a correre veloce, mentre io restavo ferma, immobile. 
Poi accadde qualcosa.
Mi specchiai in due occhi scuri nei quali vidi il mio stesso tormento, il mio stesso vuoto, il mio stesso nulla. Un’altra anima smarrita. Aveva lasciato se stesso nelle aride terre dell’Asia meridionale e l’esercito gli aveva inferto ferite ben più profonde di quella che segnava il suo bellissimo volto. Eppure, era riuscito a trovare un suo posto nel mondo, perché mai avrebbe dovuto rinunciarci per me? 
Myles O’Brien doveva essere solo lo  svago di una notte, non avrei dovuto incontrarlo mai più. 
Ma il destino aveva un piano differente.      


Il titolo significa letteralmente rotto, spezzato e abbiamo due personaggi che lo sono nel vero senso della parola. 
Violet ha perso Evan, l’uomo della sua vita. L’ha perso nel momento più magico dell’anno, durante le feste natalizie. E ora da un anno la sua vita è diventata meccanica, sopravvive come può, anestetizzando tutto perché il dolore sarebbe altrimenti troppo forte.


“Avevo messo in pausa la mia vita e non ero sicura di riuscire più a farla ripartire. Desideravo morire anch’io solo per stare di nuovo con lui. Ecco come vivo in apnea.”

E poi una sera in cui ha deciso di uscire, di provare a essere un po’ meno spezzata, incontra Myles. Appena i loro occhi si incrociano, Violet capisce che il dolore che affligge l’uomo che tiene un bicchiere di whisky in mano è lo stesso che sta provando lei.

“Solo una donna sopravvissuta all’inferno può riconoscere un’anima dannata e cercare di salvarla.”

Lui è un’ex soldato tornato dall’Afghanistan completamente distrutto nell’animo, pieno di sensi di colpa. Sta vivendo una vita che non gli appartiene, il cuore diventato duro come la pietra. 
Violet e Myles decidono di aggrapparsi l’uno all’altro, di mettere in pausa il loro dolore e vivere della passione, almeno solo per una notte. 

Non vorrei incorrere in spoiler e quindi, se volete conoscere cosa succederà, non vi resta che leggerlo.

Quello di cui voglio parlarvi invece è del groviglio di emozioni che ho provato leggendolo. Sono andata piano per i mie standard perché volevo assimilare tutto, ogni piccola sfumatura. Daria tocca due temi come la guerra e la perdita delle persone care con delicatezza, in punta di piedi. La caratterizzazione dei personaggi è stata sublime. Il dolore che provano entrambi è palpabile, lo si tocca quasi con mano. 

Entrambi sono completamente in balia della vita, senza viverla davvero. Sono come una nave in mezzo a un mare in burrasca, sballottati di qua e di là. Entrambi rappresentano la cura di cui l’altro ha bisogno. Devono sanare le loro ferite, solo così potranno iniziare di nuovo a vivere una qualche normalità.

Come sfondo di questo loro cammino abbiamo la Scozia, con i suoi paesaggi caratteristici, che fa da cornice a un quadro perfetto.
Dai punti di vista alternati allo stile, tutto in questo libro è speciale. Questo romanzo si legge e si sente. 

Daria, volevo farti i mie complimenti e ringraziarti per avermi dato la possibilità di leggerlo in anteprima. Grazie davvero di cuore. 

Care le mie Impertinenti anche se verserete milioni di lacrime, leggetelo e mi raccomando: munitevi di un pacchetto di Kleenex prima!!

“La guerra è un castigo tanto per chi la infligge quanto per colui che la patisce.”

Concludo con questa frase che credo sia la giusta.



Il tour continua, seguite il calendario:

Nessun commento:

Posta un commento