Ultime recensioni

mercoledì 31 luglio 2019

[Recensione] LA VENDETTA DEL SERPENTE - Adele Vieri Castellano

Buongiorno amiche!
Oggi la nostra Aliena ci parla di LA VENDETTA DEL SERPENTE, 4° capitolo della serie Historical Romance "Roma Caput Mundi" di Adele Vieri Castellano.
Già pubblicato in self-publishing con il titolo Roma 46 D.C. - Vendetta, è disponibile dal 9 Luglio in una nuova veste sia grafica che editoriale grazie alla Amazon Publishing.

Genere: Romance Storico
Casa editrice: Amazon Publishing
Data di Uscita: 9 Luglio 2019
Prezzo: € 9.99 - Ebook € 3.99

Sinossi: Lei è la sua stessa vita, il suo respiro, il suo amore. E ora è in pericolo

Roma, 46 d.C. Il senatore Marco Quinto Valerio Rufo questa volta non è chiamato a combattere guerre né ad affrontare feroci barbari ai confini dell’Impero. La vendetta ha bussato alla sua porta e pretende un tributo di sangue, quello di una creatura indifesa che ama più di se stesso e che un vile nemico gli ha sottratto senza pietà. Lui, che non teme nulla e nessuno, dovrà affrontare il Male in una partita a due che avrà un solo vincitore. Eppure, anche in quei giorni oscuri e terribili, l’amore riuscirà a sconfiggere l’odio e un suo germoglio nascerà nel cuore dell’arciere siriano suo fedele amico, Arash Tahmurat…

Edizione rivista: in precedenza pubblicata sotto il titolo di Roma 46 D.c. Vendetta, l’attuale edizione di La vendetta del serpente include revisioni editoriali.


Serie "Roma Caput Mundi"
(in ordine di pubblicazione)
#1. Roma 40 d.C. Destino d'amore
#2. Roma 42 d.C. Cuore nemico
#3. Roma 39 d.C. – Marco Quinto Rufo
#4. La vendetta del serpente
(già pubblicato nel 2015 con il titolo Roma 46 D.C. - Vendetta)
#5. Il leone di Roma


Se non conoscete la serie "Roma Caput Mundi", fidatevi, leggetela tutta. Non avete bisogno di essere appassionate di storia romana per apprezzarla, anzi è molto probabile che lei vi faccia ricredere su quella parte di storia che… dai, ammettiamolo… ma quanto era noiosa?

Cinque bacchette per le Donne. Sì “Donne” e non una sola protagonista, perché qui, le protagoniste sono almeno due, ma ci sono affreschi di altre donne che, per quanto piccoli, meritano menzione. Come riesce Adele Vieri Castellano a descrivere, spesso in pochi paragrafi, delle personalità così vere, così intramontabili e crossover di millenni di storia… pochi, davvero pochi altri, ci riescono e includo sia autrici che autori. Non potete non leggere della ragazza di cui si innamora lo straordinario Arash, e nemmeno dell’amore di Marco Quinto Rufo, la mia preferita di ieri, oggi e domani, se Adele vorrà mai scriverne ancora.
Speriamo.

Cinque bacchette per gli Uomini. Arash Tahmurat ovviamente, ma anche Marco e tutti gli altri loro compagni, soldati e amici in un tripudio di testosterone perché, in un mondo in cui la sopravvivenza era legata a filo doppio con fisicità e salute, che tu fossi un conquistatore o un conquistato, eri comunque sempre un sopravvissuto. I romani (e non) di Adele Vieri Castellano non sono solo belli, chi più chi meno, ma soprattutto hanno personalità sfaccettate che hanno permesso loro di ricavarsi un posto in una società complessa, precaria e spietata come quella dell’antica Roma, soprattutto (ed è ciò che più amo dei suoi uomini) hanno un’etica coerente, sia con il loro tempo che con l’umanità. Sono umani, sono veri e, come le loro donne, trascendono dalle pagine del romanzo.

Cinque bacchette per la sensualità e il romanticismo. Quello che mi conquista, che mi toglie il fiato, che soddisfa la mia fame di romanticherie, non sono solo le frasi ad effetto tipo 
“Ti amo così tanto da riempire tutto il mondo che conosco…”
anzi diciamo che, dopo centinaia di romanzi letti, anche le frasi a effetto suonano meno memorabili, ma le frasi unite alle situazioni e alle immagini vibranti e calde di una delle penne più raffinate e sensuali che conosco… beh lì tutto si mischia in un elisir d’amore potentissimo. E ancora una volta, non tutte, non tutti, riescono a creare la miscela perfetta che mi scalda il cuore e mi fa sospirare. Avrete notato, forse, che difficilmente metto citazioni, se lo facessi dovrei ricopiare intere scene che, oltretutto, raggiungono un certo pathos perché in tutte le pagine precedenti… in tutte le pagine precedenti… ci sono stille di sensualità o romanticismo che magicamente, come i rivoli infine creati dalle gocce sui vetri, confluiscono nella scena madre. E in questo romanzo, da 300 e più pagine, di scene madri ce ne sono parecchie.

Cinque bacchette per lo stile. Scritto in terza persona al passato (il mio preferito) con tante soggettive dei personaggi principali, molti dei quali conosciuti (e amati) nei precedenti romanzi, è ricco di rumori, profumi, odori, colori. Adele non descrive, Adele “mostra”… l’antica Roma, il cibo, la vegetazione, le costruzioni, la natura umana. La sua scrittura è potente, è vivida, sostituisce un film e probabilmente nessun regista potrebbe renderle onore... però non sarebbe male se ci provassero!

Cinque bacchette per la struttura del romanzo. Non è mai facile scrivere dei sequel, c’è sempre il rischio che siano brodo allungato, oppure che prendano derive che scontentino i fan… NON è assolutamente questo il caso. Oltretutto, data l’importanza di Arash, questo può essere definito uno stand alone: leggibilissimo e godibilissimo anche senza aver letto i precedenti, e tuttavia io consiglio di leggere “prima” i romanzi dove Marco Quinto Rufo e Livia si sono conosciuti e innamorati (Roma 39 d.C.- Marco Quinto Rufo e Roma 40 d.C. – Destino di un amore).

Attenzione, Impertinente in vista!
Amazon Publishing, la cover… per favore! Veramente, siamo giusto in pollice più su del “trucido bisunto” (altro editore) che non c’entrava un emerito niente con il romanzo su cui era finito. Chi è in copertina? Arash dopo una litigata con il parrucchiere? E cosa tiene in mano, una freccia recuperata dal set di Tesoro mi si è allargato il ragazzino? Per non parlare del campo di grano che fa tanto Il gladiatore (Spagna) e 300 (Sparta).
Immagino non sia facile avere delle idee grafiche originali, ma almeno provateci!
Lettrici, fregatevene delle cover e leggete.


A chi può piacere questo romanzo?
A tutti!
Piacerà a chi ama le storie d’amore dense di tanti significati, non solo mipiaci-bella-bello-tiamo.
Piacerà a chi ama storia, avventura e intrigo magistralmente mescolati con amore e sentimenti.
Piacerà a chi cerca un romanzo ricco di descrizioni, di storia e di curiosità.

Chiudo lasciandovi la sequenza con cui (per me) dovrebbero essere letti i romanzi di "Roma Caput Mundi" anche se, lo ripeto, questo di cui avete appena letto la recensione può tranquillamente fare da apripista a tutti gli altri:
Roma 39 d.C. – Marco Quinto Rufo
Roma 40 d.C. – Destino di un amore
Roma 42 d.C. – Cuore Nemico
La Vendetta del Serpente
Il Leone di Roma

Se amate la storia dell’antica Roma, e comunque la storia antica in genere, vi consiglio la pagina Facebook di Adele Vieri Castellano che delizia le sue follower con contenuti interessanti.


Giudizio: Fatato

Bye Bye alla prossima


 . . . .

2 commenti:

  1. Mi piacciono molto i libri e i film ambientati nell'epoca dell'Impero Romano. Mi segno subito il titolo.

    RispondiElimina
  2. Grazie Aliena, è stato emozionante leggere questa recensione, davvero! Ti ringrazio per le tue impressioni, le emozioni che hai saputo trasmettermi e mi hai dato la carica per scrivere nuovi libri... insomma, non vi lascerò in pace! Un abbraccio a tutto il blog, un caro saluto e buone letture!

    RispondiElimina